LE PORTE DELL’ORRORE

12,00 

Condividi su
Specifiche
Curatori

Angelo Michele Imbriani

Collana

Riscontri dell’Orrore, n. 1

Pagine

100

Formato

12 x 20 cm

Anno

2019

Prezzo

€ 12,00

Gli autori dei cinque racconti di questa antologia selezionati nel concorso “Riscontri letterari 2018”, mostrano tutti di padroneggiare molto bene il genere horror, tanto popolare quanto insidioso, evitandone i rischi. Si tratta infatti di narrazioni che sono costruite intorno ad alcuni elementi fondamentali e tipici di questa letteratura – ad esempio il finale inquietantemente “aperto” a possibilità spaventose ed indefinite – ma che nello stesso tempo non cadono mai nel banale e nella maniera. Ciascuno degli autori, infatti, reinterpreta il genere in maniera originale e personale: abbiamo così le interessanti variazioni sul tipo “storie di fantasmi”. Abbiamo racconti ove l’orrore sovrannaturale si intreccia, in modo inconsueto per i canoni letterari, all’orrore della storia o all’orrore che le normali vite umane talora sono purtroppo destinate ad incontrare. Abbiamo persino una storia di misteriose apparizioni che si risolve in un percorso iniziatico e che sembra aprirsi a un finale meraviglioso (ma sarà proprio così?). Si tratta quindi di cinque diverse variazioni sul tema, tutte ben congegnate, tutte pregevoli, tutte avvincenti.

 

SCHEDA AUTORE

Angelo Michele Imbriani (Avellino, 1962) insegna storia e filosofia al Liceo Classico e “nasce” storico, pubblicando diversi saggi sul fascismo e sul Mezzogiorno, anche per i tipi di Liguori e de Il Mulino. Passa poi alla teologia, con un dottorato di ricerca alla Facoltà Valdese nel corso del quale ha lavorato al tema “Bonhoeffer e gli usi teologici della letteratura”. Approda quindi anche alla narrativa, pubblicando l’anno scorso, proprio con il Terebinto, Nel Nido dell’Aquila, un racconto di viaggio sulle orme dello stesso Bonhoeffer e della sua tragica e appassionante vicenda storica. Curando questa antologia, Angelo Michele Imbriani ha però inteso rivelare al mondo che il suo vero, costante interesse è sempre stato rivolto in realtà al genere horror. La lunghissima frequentazione di tale letteratura gli ha persino insinuato l’idea balzana di avere una qualche capacità di discernimento. Dalla selezione dei racconti che ha effettuato, il lettore potrà confortare questa sua pretesa o demolirla definitivamente!